SEO

Introduzione ai Motori di Ricerca

Premessa

La SEO (Search Engine Optimization) può essere definita come l’attività di ottimizzazione delle pagine web o di interi siti, con lo scopo di renderli più search engine friendly, attribuendo loro una posizione più elevata nei risultati di ricerca (SERP). Ovviamente, per ottenere maggiori riscontri sia di visite, sia di popolarità nel web, è necessario affiancare l’attività SEO a campagne di Internet e Web Marketing opportune (che saranno affrontate nei prossimi capitoli). Per capire le varie fasi che comandano le attività volte a migliorare la posizione di un sito web all’interno dei motori di ricerca, dobbiamo prima comprendere le logiche che stanno alla base del funzionamento dei motori di ricerca.

Il SERP

Oggi le informazioni che circolano sulla rete si espandono vertiginosamente e assumono forme e contenuti diversi (documenti, video, link, streaming, flussi audio); per questo i motori di ricerca rivestono un ruolo cruciale.
L’utente struttura una query (elenco di parole da ricercare) da dare in pasto al motore di ricerca; quest’ultimo la elabora e fornisce, attraverso opportune logiche, una serie di informazioni più o meno rilevanti. L’insieme di tutte le pagine restituite come risultato di una determinata ricerca va sotto il nome di SERP (Search Engine Results Page). Il successo di un motore di ricerca, quindi, dipende dalla rilevanza dei risultati di ricerca forniti all’utente.

L’importanza dei dati web

L’analisi e le ricerche di mercato sono fondamentali nel Web Marketing per individuare usi e costumi dei navigatori. Per la SEO questi dati risultano di vitale importanza per capire le evoluzioni tecnologiche e comprendere come un utente si approcci al World Wide Web.
Si è dimostrato che (fonti Com Score Ntwork, sems.it):

  • l’85% delle persone che navigano in Internet usa i motori di ricerca per ottenere informazioni utili dal web;
  • l’87% delle ricerche effettuate sono coerenti o interessanti;
  • Il 44% delle persone che usano Internet ritiene fondamentale l’utilizzo dei motori di ricerca per ottimizzare il tempo lavorativo.

Inoltre dal traffico generato dai primi motori di ricerca mondiali si evince che:

  • il 49% delle ricerche viene effettuato dal posto di lavoro;
  • il 44% delle ricerche viene effettuato dal computer di casa;
  • il 7% da università/scuole/enti di formazione.

Una recente ricerca di WebTrends su un campione di circa 300 PMI, di cui 50 italiane, ha rilevato, invece, che il 79% delle imprese analizza il traffico Internet ma solo il 30% riesce ad agire efficacemente in base ai dati ottenuti. Nella fattispecie, solo il 50% cattura e analizza i dati generati da Internet.
Oltretutto molti tralasciano l’importanza dei dispositivi mobili.

Durante la formulazione della query di ricerca, l’utente desidera trovare le indicazioni più rilevanti il prima possibile. Possiamo quindi classificare le query e accorparle in tre macrocategorie:

  • query navigazionali (25%): il bisogno di raggiungere direttamente un sito. Per esempio: Fiat, Barilla.
  • query informative (40%): acquisire informazioni. L’obiettivo è quello di imparare qualcosa dalla lettura o dalla visualizzazione di contenuti sul web, come testi, immagini, video. Per esempio: Quando prendere l’aspirina;
  • query transazionali (35%): svolgere operazioni  come acquisti, fruizione di servizi, acquisizione di file con la mediazione del web. L’utente è alla ricerca principalmente di una risorsa disponibile tramite le pagine web. Per esempio: Scarica libro di anatomia gratis.

Ovviamente gli utenti costruiscono query (parole chiavi) poco precise e hanno necessità e aspettative diverse. Possiamo notare da una prima analisi che:

  • l’85% degli utenti guarda solo la prima pagina dei risultati della ricerca;
  • il 78% degli utenti non raffina le query dopo la prima ricerca e ha la tendenza a spostarsi da una pagina all’altra seguendo dei link, piuttosto che ripartire da un’altra pagina o a ripetere la ricerca.

Per questo motivo è fondamentale un corretto posizionamento del sito Web nelle prime postazioni e una Corretta analisi delle query (come gli utenti vi potrebbero cercare), che potrebbero portare nuove visite al nostro sito web.

Questo ci fa riflettere sull’importanza che oggi riveste il Web Marketing.

About the author

admin